gli ultimi articoli

In primo piano

Kathmandu, crocevia delle civiltà dell’Asia

Kathmandu, crocevia delle civiltà dell’Asia

Antonio Porcelli May 4, 2015
Due viaggi a Kathmandu sono stati sufficienti a lasciare nella mia mente e nel mio cuore un ricordo incredibile. Non è retorica, viaggiare non serve solo ad allargare le nostre conoscenze, ma anche a stimolare la nostra sensibilità e la nostra aff… Read More
 
La celebrazione di Genna

La celebrazione di Genna

Antonio Porcelli Apr 7, 2015
....lasciamo la terra estrema per tornare sull'altopiano etiope. Di nuovo "un salto verso il cielo", 2000 metri sopra il livello del mare dove la vegetazione ritorna ad essere la padrona..... Attraversiamo velocemente Macallè, dove la nostra sto… Read More
 
Dancalia “Terra estrema”

Dancalia “Terra estrema”

Antonio Porcelli Jan 21, 2015
 
Tibet "il Paese che non c'è"

Tibet “il Paese che non c’è”

Antonio Porcelli Nov 23, 2014
 
Dal Nepal in viaggio verso il Tibet

Dal Nepal in viaggio verso il Tibet

Antonio Porcelli Oct 12, 2014
 
Umbria Jazz 2014

Umbria Jazz 2014

Antonio Porcelli Jul 21, 2014
 
Viaggio in Cina

Viaggio in Cina

Antonio Porcelli Jun 24, 2014
 
You make me feel like a natural woman
 
Il Carnevale di Venezia 2014

Il Carnevale di Venezia 2014

Antonio Porcelli Feb 26, 2014
Nella Venezia del settecento, per molti giorni all’anno il mondo sembrava non opporre più alcun limite ai desideri, tutto diventava possibile e non c’era pensiero o sogno che non potesse essere realizzato. Il settecento fu il secolo che, più di ogn… Read More
 
Il Festival Vegetariano

Il Festival Vegetariano

Antonio Porcelli Jan 19, 2014
 
Le repubbliche Baltiche

Le repubbliche Baltiche

Antonio Porcelli Aug 28, 2013
      Read More
 
Scrivere con la luce - La fotografia come emozione
 
Un viaggio nell'India Sacra

Un viaggio nell’India Sacra

Antonio Porcelli Mar 26, 2013
 
Gujarat - le Etnie

Gujarat – le Etnie

Antonio Porcelli Mar 12, 2013
 
Maha Kumbh Mela

Maha Kumbh Mela

Antonio Porcelli Feb 24, 2013
 
Romania, le vecchie contraddizioni del nuovo Occidente
 
Passeggiando per Praga

Passeggiando per Praga

Antonio Porcelli Nov 18, 2012
 
per non dimenticare

per non dimenticare

Antonio Porcelli Nov 12, 2012
 
Trilogia sul Vietnam: parte terza

Trilogia sul Vietnam: parte terza

Antonio Porcelli May 23, 2012
 
Trilogia sul Vietnam: parte seconda
 

Kathmandu, crocevia delle civiltà dell’Asia

Due viaggi a Kathmandu sono stati sufficienti a lasciare nella mia mente e nel mio cuore un ricordo incredibile.
Non è retorica, viaggiare non serve solo ad allargare le nostre conoscenze, ma anche a stimolare la nostra sensibilità e la nostra affettività.
Quanti bambini. quanti vecchi, quante donne ho incontrato e fotografato!

Un viaggio non finisce mai… “il nastro dei ricordi continua a scorrerci dentro anche dopo che ci siamo fermati”...continua a riproporci i loro volti, i loro sorrisi, la loro umanità.
Riguardo spesso le mie foto, come una volta si guardavano i vecchi album di famiglia per riconoscere chi è cambiato, chi è cresciuto, o chi ormai non c’è più.
Con la stessa nostalgia e la stesso stato d’animo, attraverso le mie foto, incontro ancora quegli sguardi che hanno dato un senso al mio viaggio, con lo stesso dolore non posso non pensare che dopo il terremoto in Nepal forse molti di loro non ci sono più.

E’ a loro che dedico questo piccolo omaggio.

La celebrazione di Genna

….lasciamo la terra estrema per tornare sull’altopiano etiope.
Di nuovo “un salto verso il cielo”, 2000 metri sopra il livello del mare dove la vegetazione ritorna ad essere la padrona…..2000px-Coptic_cross.svg

Attraversiamo velocemente Macallè, dove la nostra storia scrisse pagine di guerre, di conquiste e di sconfitte. Qui una piccola guarnigione italiana, d’istanza sul forte di Enda Yesus, nel 1895 resistette, per poi capitolare, più di un mese all’assedio del principale esercito etiope guidato dallo stesso negus Menelik II.
L’etiopia è cosparsa di ricordi della nostra recente storia!
Con le jeep percorriamo l’affascinante Sekota road che ci porterà fino a Lalibela.
In realtà bisognerebbe arrivarci all’alba, a piedi e dopo mesi di cammino, ma la nostra è una fretta del tutto occidentale e non possediamo la stessa fede dei pellegrini, ricoperti dal candido shamma, che incrociamo con le nostre auto e che lasciamo al nostro passaggio cosparsi da una fine polvere rossa.
Lalibela oggi è poco più di un grosso villaggio, ma nel passato è stata Roha, la capitale della dinastia discendente dall’Impero di Axum. E’ ancora oggi importante città santa d’Etiopia, seconda solo alla stessa Axum.
Ci ritroviamo più giovani di otto anni, oggi è il 28 Tahsàs del 2007! L’Etiopia segue un antico calendario lunare di 13 mesi che fa slittare indietro gli anni e in avanti tutta la teoria di feste natalizie: Timkat, l’epifania cadrà il 19, Genna, Natale, è domani 6 gennaio. Neanche l’ora corrisponde, perché, come in fondo è giusto che sia, il giorno non inizia alla mezzanotte ma al sorgere del sole.

Giungiamo al tramonto guidati dalle luci artificiali e moleste che dominano sopra gli orribili tetti bianchi in plexiglas eretti dall’UNESCO a protezione delle chiese. E’ il prezzo che il sito paga per essere diventato patrimonio mondiale dell’umanità.
D’altronde come lasciare in balia del tempo queste splendide uDancalia_1707ndici chiese monolitiche, fatte scavare con le mani, o poco più, nel XII secolo del leggendario re Gebre Mesqel Lalibela, “nato avvolto dalle api”, sacre agli etiopi, che volle realizzare il suo sogno di riedificare la sua fantastica nuova Gerusalemme, da contrapporre a quella ormai sottratta dai musulmani alla cristianità?
Per secoli avevano retto alle incursioni e all’usura del tempo, ma l’uomo moderno “ha deciso”, con alti pali di acciaio e coperture avveniristiche, di trasformare un luogo così autentico e sacro in una gigantesca astronave nel deserto.
Scempio per noi fotografi, ladddove avremmo sognato di poterle ancora ammirare circondate da ulivi e arbusti di ginepro, immortalare le loro sagome al tramonto e inserire le loro linee imperfette nella sezione aurea o “proporzione divina” delle nostre immagini.
Ciò nonostante, e nonostante il turismo di massa che giunge ovunque, questo posto incantato riesce a mantenere intatto tutto il suo fascino. I pellegrini sembrano incuranti di ciò che li circonda, giungono da ogni dove, arrivano esausti e laceri ma felici, cercando in questa notte della vigila di natale di mescolarsi alla folla per aspettare in preghiera la nascita di Gesù.
Cercano un riparo sotto le alte mura di friabile greDancalia_1600ss vulcanico per vegliare fino all’alba, semi-soffocati dalle esalazioni forti del sudore e dell’incenso, storditi dal fumo delle candele e dall’ipnotico cantilenare dei sacerdoti.
Quanta fede nella povera gente, quanta arroganza e quanta supponenza nella nostra civiltà!
Mi ritorna in mente l’emozione al mio arrivo al Khumb Mela, dove fiumi di uomini si immergono nelle acque sacre del Gange, o l’ascesa lungo l’alta collina di Palitana dove in affanno si salgono 4000 gradini per cercare di raggiungere nel cielo le divinità jainiste.
Ma anche qui, come non commuoversi davanti all’immane opera di decine di migliaia di uomini che, in solo due decenni, quasi a mani nude e al riparo da occhi indiscreti, scolpirono, scavando all’interno della roccia, la nuova Gerusalemme!
Percorriamo lunghi cunicoli scavati nella terra, un vero Dancalia_1697labirinto che mette in comunicazione le undici chiese, il buio è completo. Si procede in fila indiana, a tentoni come ciechi, appoggiandosi ogni tanto alle umide pareti di terra. In alcuni punti la sensazione è quella di soffocare, bisogna rimanere calmi e credere che prima o poi si riaffiorerà in una nuova chiesa. Tornando all’aperto la folla ride e le donne lanciano lo zagharid, l’acutissimo urlo di esultanza e di festa di tutti i Paesi arabi e magrebini.
Girelliamo per le strade fiancheggiate da capanne di paglia, qualche bancarella, tende improvvisate, dormitori sotto le stelle, vivide e intense come solo un cielo d’Africa riesce ad offrire.Dancalia_1651Non si può non rendersi conto quanto il natale della nostra civiltà sia lontano da qui e ripensando a quella notte di poco più di 2000 anni fa si ha la sensazione che doveva essere stata proprio così; pastori, mendicanti, pellegrini, autorizzati a condividere l’acida Injera, nella notte più lunga e più carica di sogni e di speranze di tutta l’umanità.

  proiezione fotografica
Galleria Fotografica