News


Gentili Assititi

dal 1° Gennaio 2014 la Medicina di gruppo per il pensionamento della dr.ssa Di Florio e del dr.Nistri e per l'uscita volontaria del dr: Checchi e della d.ssa Delogu risulta costituita della Dr.ssa Pistocchi, dalla dr.ssa Paladini e da me.

Verrà comunque sempre garantita la reperibilità medica di sette ore al giorno c/o lo studio di via De Amicis secondo il calendario esposto, e l'assistenza infermieristica gratuita nel pomeriggio dalle 15,30 alle 19,30

C'era una volta il medico condotto...

    In campagna girava col calesse, in città con la bicicletta. Poi con la lambretta o l'utilitaria. Soprattutto nei paesi era un'istituzione. Insieme al prete, al sindaco e al maresciallo dei carabinieri. Nel suo lavoro faceva l'internista, il dentista, l'ostetrico. Nel tempo questo lavoro è cambiato. E, di riforma in riforma, siamo arrivati al medico di famiglia. Che, spesso non si trova e visita a domicilio di rado? Oggi, in Toscana, potremmo essere alle porte di un'altra rivoluzione. La sigla di questa riforma – se volete anche un po' freddina – è «Aft» che sta a significare «Associazioni funzionali territoriali».

Cosa dovrebbe significare? Che medici di famiglia, ma anche medici di guardia medica, specialisti e infermieri lavoreranno in equipe dentro ambulatori dedicati sui quali poggerà gran parte della futura assistenza sul territorio. La riforma è il frutto di un accordo che darà gambe operative a quanto già previsto dal contratto nazionale dei medici di medicina generale. L'accordo sarà firmato nella nostra regione tra fine settembre e l'inizio di ottobre – così assicurano le fonti regionali – e poi, nel giro di alcuni mesi, partirà la fase operativa in tutta la regione.

In sintesi le future AFT saranno aggregazioni di medici (25-30 la dimensione ottimale) che permetteranno un'integrazione fra vari medici di medicina generale, medici di guardia medica, ma anche specialisti e infermieri. I cittadini potranno rivolgersi a questi ambulatori integrati e risolvere in gran parte problemi che oggi vengono delegati al Pronto Soccorso quando non addirittura al ricovero ospedaliero.
«Siamo alla vigilia dell'accordo – spiega l'assessore Luigi Marroni – con il quale intendiamo operare un importante cambiamento che darà più qualità, più integrazione e più appropriatezza al servizio dei cittadini. Intendo rassicurare tutti sul fatto che non sparirà il medico di famiglia, sulla cui figura anzi faremo un grosso investimento, e non sparirà la guardia medica, ma offriremo un servizio integrato evitando in molti casi ricoveri inappropriati e risparmiando tempo e denaro per i cittadini ed il servizio pubblico».

«Si potranno fare esami del sangue – sottolinea l'assessore – o magari radiografie, ma anche ecografie, medicazioni e anche prestazioni domiciliari a pazienti cronici. Ci sarà inoltre un coordinatore che sarà incaricato di tenere i rapporti con gli ospedali, in modo che il gruppo si possa far carico del paziente quando sarà dimesso dopo un ricovero, oppure inviarlo all'ospedale nel caso in cui non si possa risolvere il suo problema all'interno del presidio territoriale». Ma dove avranno sede? «L'accordo è ancora in fase di perfezionamento – continua Marroni –. Ma le sedi potranno essere messe a disposizione del servizio sanitario, oppure da enti locali, o anche essere strutture fornite dai medici stessi. Quello che è importante è – conclude l'assessore – che i cittadini sappiano che avranno una possibilità ulteriore che potrà coprirli tutti i giorni dell'anno, grazie all'integrazione dei medici di famiglia, della guardia medica, degli specialisti e degli infermieri e permetterà loro di evitare di ricorrere all'ospedale per molte incombenze. Il servizio sanitario eviterà così molti codici bianchi in coda al Pronto Soccorso e tutti, ci auguriamo, ne trarremo beneficio in termini di risparmio di tempo, di code e di spese».

E per dare concretezza al risparmio due dati forniti dal segretario della Fimmg. Un ricovero costa in media oltre 3500 euro, un paziente curato dal medico di base costa in media 382 euro all'anno. I medici di base in Toscana sono in totale 2850. Nella nostra regione ci sono già circa 1.000 medici attivati su questo versante. Perché l'esperienza delle associazioni di medici è già partita da tempo, anche se in via sperimentale, soprattutto con la «sanità di iniziativa», e quindi in riferimento ad alcune particolari patologie, come diabete e scompenso cardiaco. Da dove si comincerà? Sicuramente da Firenze – fanno sapere dall'assessorato – ma anche in molte altre zone, un po' a macchia di leopardo.

La scheda

Le AFT dovrebbero interessare un'area tra i 25-30 mila abitanti per i quali saranno in servizio 20-25 medici che garantiranno assistenza ai cittadini ogni giorno della settimana dalle 8 alle 24 e permetteranno un'integrazione fra vari medici di medicina generale, medici di guardia medica, ma anche specialisti e infermieri.

I cittadini potranno rivolgersi a questi ambulatori integrati e risolvere in gran parte problemi che oggi vengono delegati al Pronto Soccorso quando non addirittura al ricovero ospedaliero.
Per quanto riguarda l'attività notturna, in caso di necessità, si farà ricorso all'emergenza del 118.

In queste nuove strutture i medici di famiglia lavoreranno in equipe e nomineranno un coordinatore, che avrà il compito di essere il trait d'union anche con le altre strutture sanitarie, ospedale in primis.

La nuova organizzazione, che ricalca quella già prevista dall'Accordo collettivo nazionale, consentirà al paziente di avere una continuità assistenziale sette giorni su sette.

Nei nuovi presidi si potrà inoltre avere la possibilità di accedere con facilità a una diagnostica di primo livello per fare esami o radiografie.

Tanti i dubbi e le perplessità
A che punto è la trattativa sulla riorganizzazione della medicina generale annunciata per settembre dalla giunta regionale? Sono state coinvolte tutte le categorie dei medici? Su quali piattaforme e secondo quale calendario d'ascolto dei sindacati? Eccole qui, in sostanza, le domande che il vicepresidente della Commissione sanità Stefano Mugnai (Pdl) rivolge all'assessore Marroni. Il fine, secondo il consigliere regionale, è quello di ottenere chiarezza su una riforma annunciata anche in fase di comunicazione istituzionale, ma della quale non sono stati ottenuti tutti i dettagli.

«L'assistenza territoriale – scrive Mugnai nella premessa della sua interrogazione urgente – è un servizio garantito ai cittadini dal Sistema sanitario nazionale che comprende i medici di famiglia (medici di medicina generale), il servizio di guardia medica, il sistema di emergenza-urgenza territoriale (118) e la diffusione ambulatoriale per le prestazioni diagnostiche». «Si apprende – continua il consigliere – dalla comunicazione istituzionale dell'assessore alla salute che i soggetti sopra richiamati entreranno a far parte di associazioni funzionali territoriali (Aft), che secondo le comunicazioni avranno sede nelle Case della Salute». I dubbi di Mugnai sono molteplici: «Sempre dalle comunicazioni istituzionali dell'assessorato – ricorda infatti il Vicepresidente della Commissione sanità – la trattativa sull'accordo avrebbe riguardato soltanto un sindacato medico (la FIMMG, Federazione Italiana Medici di Medicina Generale)». Per di più: «In questa riorganizzazione, il servizio di guardia medica sarà cancellato totalmente». Mugnai ricorda «le parole usate dall'assessore Marroni sulle comunicazioni riguardanti la spending review e cioè che a fronte di riorganizzazioni dettate da ristrettezze economiche deve essere garantita l'invarianza dei servizi per i cittadini». Per questo ritiene «opportuno capire la ratio della riorganizzazione».

Anche tra i medici chi avanza dubbi e perplessità sulla proposta degli Aft. In primo luogo, uno dei sindacati dei medici di famiglia. «La fissa di intruppare i Medici è arrivata anche da noi in Toscana – afferma Sergio Baglioni, Responsabile Nazionale del Centro Studi Nazionale dello Snami – dove vogliono sperimentare delle nuove strutture, chiamate incautamente “ospedaletti di quartiere”, a discapito della attuale organizzazione. Invece di migliorare il Sistema Sanitario attuale e potenziarlo si vorrebbe dare un colpo di spugna ad un modello che funziona, anche se perfettibile, rischiando così di buttare il bambino con l'acqua sporca. Agendo così e millantando la concertazione si fa finta di ignorare che la stragrande maggioranza dei medici non è rappresentato da quel Sindacato che fa gli accordi con la parte pubblica, anzi non si sottolinea che tutti quanti ne prendiamo pubblicamente le distanze».

Considerazioni personali.

Oggi abbiamo avuto il primo incontro per eleggere il coordinatore della nostra zona. Il numero ottimale dei medici che doveva essere 25 - 30 in realtà è salito a  44.

Alla nostra ovvia quanto impaurita domanda su "ma adesso in sostanza cosa cambierà?", la risposta è stata ...."tranquilli nulla!!".

Ma saremo abbastanza competenti e verremo attrezzati e formati per assolvere alle funzioni di pronto soccorso? ..... "purtroppo mancano i fondi".

E anche la famosa sede unica, punto di incontro per i cittadini, in realtà per mancanza di fondi, ....non ci sarà.

E il cittadino come farà? "Potrà cercarci in uno dei 44 nostri ambulatori sparsi per la città!"

...E i progetti?

Bè imperativo: "cercare di risparmiare".

E per il cittadino cosa cambierà?

Per adesso nulla. Per le urgenze vere rimarrà ancora il buon "pronto soccorso", e per il resto? Ma perché dovrebbe cercare un qualsiasi altro medico per avere una risposta personalizzata quando in realtà noi medici di famiglia siamo presenti in ambulatorio almeno 5 o sei ore al giorno tra mattina e pomeriggio e reperibili telefonicamente con varie modalità?

E di notte?

Menomale che esiste ancora la tanto maltrattata ma comunque pur sempre presente "vecchia cara Guardia Medica"!

1

Nei miei ambulatori gli appuntamenti e le prescrizioni vengono gestiti tramite il sistema informatizzato

ProntoDoc®

Anche Lei potrà accedere al portale facendosi consegnare le credenziali di accesso.

In tal modo, in totale autonomia, potrà prenotare il suo appuntamento e/o pianificare la trascrizione della sua abituale terapia.

È sicuramente un modo per evitare eventuali attese telefoniche e gestire le proprie necessità anche in un orario diverso da quello di apertura dello studio

2

 

Ulteriori informazioni presso la segreteria degli ambulatori.

www.prontodoc.it

 

 

Articoli recenti

Bugatti, l’auto francese dall’anima italiana!


Nessuna casa di automobili può dire di aver avuto una storia tanto travagliata quanto quella della Bugatti. Queste auto da sogno, da sempre ammantate di un’aura di leggenda, hanno vissuto tempi bui e momenti di grande splendore, passando per le mani di una serie di proprietari da diversi paesi europei.
La Bugatti nasce proprio per iniziativa di un italiano, il milanese Ettore Bugatti, che nel 1909 fonda la storica fabbrica di automobili a Molsheim, in Alsazia, zona che allora si trovava in Germania ma che oggi fa parte della Francia.
La casa alsaziana riuscì a toccare negli anni picchi di eccellenza insuperati a livello di ingegneria, design e sfarzo. Bugatti è infatti ancora oggi in tutto il mondo sinonimo di un mondo esclusivo e per pochi, ma in cui chi riesce ad entrare può aggiudicarsi il meglio in circolazione.
Tratto caratteristico della storia della Bugatti è stato quello spirito multiculturale che da sempre la contraddistingue. Nel tempo si sono avvicendati proprietari francesi, italiani e tedeschi, ma le auto hanno sempre mantenuto quello stile unicamente italiano, vedendo i migliori designer del Bel Paese collaborare alla realizzazione delle auto dandogli il loro tocco personale.
Nel 1987 l’imprenditore Romano Artioli acquista il marchio Bugatti e annuncia di volerne riprendere la produzione aprendo uno stabilimento a Campogalliano, in provincia di Modena. La storia di questa nuova società, la Bugatti Automobili SpA, durerà pochi anni, dato che già nel 1995 dichiara bancarotta. Ma nei suoi pochi anni di vita gli si deve riconoscere il merito di aver riportato alla ribalta il marchio con una nuova generazione di Bugatti, di cui si ricorda soprattutto la mitica EB110.
Romano Artioli, intenzionato ad un rilancio in grande stile, investe oltre 100 miliardi di lire per sviluppare una vettura per certi versi rivoluzionaria, la EB110, e costruisce uno stabilimento all’avanguardia, a Campogalliano, nel pieno di quell’Emilia sempre stata “terra dei motori”. Ma l’investimento non produce i frutti sperati: la Bugatti chiude nel 1995. Artioli, oggi 84enne, rivela la sua verità sulle dinamiche che portarono al fallimento:
“Sabotaggio!!” teso a danneggiare un’azienda molto ambiziosa e per la quale lavoravano tecnici proveniente anche da realtà concorrenti. Artioli esprime inizialmente il suo scetticismo nei confronti nell’area geografica, che paragona alla “bocca del leone” in quanto molto vicina agli stabilimenti delle Ferrari e Lamborghini. “Volevo fare queste cose in Francia”, sono le sue parole. “Ma non ci fu niente da fare. I modenesi lei non li schioda, e senza questa gente si poteva fare la Bugatti”.

Proiezione Multimediale
Galleria Fotografica
  1. Sono tornato a Chernobyl 1 Risposta